Quando mi chiesero quale fosse il simbolo che rappresenta meglio la nostra azienda ed il nostro lavoro, la prima cosa a cui pensai fu "L'Arciglione" (Ronca da Potatura), l'antico strumento da potatura dei viticoltori Cirotani.
Quello che vedete nella foto è appartenuto a mio nonno Cataldo. Questo strumento, più di ogni altra cosa, rappresenta la tradizione secolare della viticultura cirotana, simbolo della grande competenza dei viticoltori locali che con grande dimistichezza maneggiavano l'arnese.
L'Arciglione rappresenta la chiave di volta del concetto di "terroir", somma del territorio, del clima, del vitigno, della mano dell'uomo e del suo lavoro, la sua responsabilità rispetto l'ambiente che lo circonda. Ancora oggi rimango affascinato quando vedo qualche anziano potatore all'opera, ogni vigna viene interpretata per vigore, contesto pedo-climatico e in funzione del vino che si vuole ottenere.
È proprio così che immagino il mio vino:
dal vigneto alla cantina, lasciando che il lavoro in cantina sia la conseguenza del lavoro quotidiano praticato in vigna.